EROS Finissage e presentazione del Catalogo

La mostra “Eros dal mito al contemporaneo” ha stupito, scandalizzato, incuriosito e ha fatto sopratutto riflettere sulla tematica dell’eros nell’arte attraverso il tempo. Gli artisti si sono confrontati con l’archeologia imbastendo un importante dialogo tra le opere create alle fondamenta della nostra civiltà e quelle originate nella società attuale.

Vi invitiamo sabato 3 marzo alle ore 18.00 al Museo Archeologico di Gela per l’ultimo giorno di visita della mostra e per scoprire il bellissimo catalogo edito grazie alla Lo Magno Arte Contemporanea e al Main Sponsor GBOIl, Gela:

Eros dal mito al contemporaneo, DRAGO EDIZIONI
testi di Alba Romano Pace, Angelo Mondo, Ennio Turco

Non mancate!

EROS DAL MITO AL CONTEMPORANEO
A cura di Alba Romano Pace
Consulente scientifico Angelo Mondo
Organizzazione: Lo Magno Arte Contemporanea, Modica
Catalogo: Drago Edizioni

Artisti:
Philippe Berson, Barbara Cammarata, Giulio Catelli, Daniele Cascone, Gaetano Costa, Lou Dubois, Emanuele Giuffrida, Giovanni Iudice, Kali Jons, Isa Kaos, Frédéric Léglise, Giacomo Rizzo, Ignazio Schifano, Marco Stefanucci, Jojo Wang, William Zanghi.

main sponsor: Gb Oil Gela
partner: Lucauto, Totelia, Hotel Sole

Museo Archeologico di Gela, 26 gennaio – 3 marzo 2018

Eros, nome mitologico del dio dell’amore, viene definito da Sigmund Freud come una pulsione di vita insita in ogni essere umano. Dall’antica Grecia, dove affonda le radici la cultura occidentale, all’epoca contemporanea, l’eros è riscoperto come uno dei soggetti prediletti da artisti e scrittori. La mitologia classica è interamente basata sui capricci e gli amori proibiti di uomini e dei, ugualmente l’arte antica esalta i culti della fertilità femminile e della virilità maschile, inneggiando all’amore libero, generatore di vita.

Dice la curatrice Alba Romano Pace: “La mostra vuole dare un messaggio di apertura e tolleranza facendo dialogare due realtà lontane solo nel tempo cronologico ma matrice l’una dell’altra. I reperti archeologici a sfondo erotico della collezione del museo, si relazionano con le opere d’arte contemporanei invitando lo spettatore ad entrare nel misterioso e arcaico universo dell’Eros attraverso il confronto ed il raffronto di due culture, l’antica e la contemporanea per affermare la libertà dell’arte e del pensiero artistico”.

L’esposizione è divisa in sezioni, ognuna presenta un’espressione dell’eros, una sua interpretazione secondo uno sguardo trasversale, in realtà immutato, attraverso il tempo: l’eros è amore, omosessualità, visione organica del corpo, perturbante, eros e thanatos, mitologia e antichi culti erotici.

Organizzata dal Polo museale regionale di Gela e Caltanissetta e dalla Galleria Lo Magno Arte Contemporanea di Modica con il patrocinio dell’Assessorato e del Dipartimento regionale ai Beni culturali e dell’Identità siciliana e il sostegno di sponsor privati, la mostra è curata da Alba Romano Pace con la consulenza scientifica di Angelo Mondo per la parte archeologica.